DIFFERENZA TRA ESTRATTORE DI SUCCO E CENTRIFUGA: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

In questo articolo intendo chiarirvi bene la differenza tra estrattore e centrifuga, due elettrodomestici molto validi che apparentemente svolgono la medesima funzione ma che, come capirete sono piuttosto diversi. Se siete nel panico perché non sapete quale dei due apparecchi acquistare, leggendo di seguito avrete senza dubbio le idee molto più chiare, comprendendo le differenze tra i due prodotti in modo da scegliere in base alle vostre esigenze e gusti.

Questo articolo prende spunto da http://estrattoredisucco.info in cui vi sono tante informazioni inerenti a questo argomento.

COME FUNZIONANO?

Nella classica centrifuga, i succhi di frutta e verdura vengono estratti grazie alla forza centrifuga generata da sottili lame rotanti ad alta velocità: la poltiglia viene spinta verso un setaccio a fori molto piccoli che fa filtrare il succo trattenendo gli scarti. Il processo avviene molto velocemente e non può avvenire in maniera continuativa per più di cinque minuti: i cibi possono essere inseriti all’interno della centrifuga senza doverli necessariamente tagliare prima.

Nell’estrattore di succo a freddo, i succhi sono estratti attraverso una coclea, ossia una sorta di vite che spreme lentamente i cibi: la coclea non spezza il cibo ma lo mastica e lo spreme ricavandone il succo. Il processo in questo caso avviene molto lentamente e può durare fino ai 30 minuti circa. Nella maggior parte dei casi è necessario tagliare gli alimenti prima di inserirli nell’estrattore.

I risultati finali?Osservando e soprattutto assaggiando i succhi prodotti dalla centrifuga e dall’estrattore è possibile notare alcune differenze:

Centrifugato: questo viene percepito come più leggero e chiaro e meno corposo. Tende generalmente ad avere una porzione schiumosa in superficie.

Succo estratto: è un succo dal colore e dalla consistenza nettamente più corposo che tende a non avere nessuna parte schiumosa.

PRINCIPALI DIFFERENZE

VALORI NUTRIZIONALI: questi sono correlati al numero di giri effettuati dall’apparecchio. Una centrifuga generalmente effettua tra i 6000 e i 18000 giri al minuto, l’estrattore meno di 100. Cosa vuol dire questo? Semplice. Più giri compie il nostro macchinario e più genera calore ed incamera aria, favorendo cosi il processo di ossidazione del succo che va a distruggere la maggior parte delle sue sostanze nutrienti. Dal momento che l’estrattore di succo a freddo effettua un basso numero di giri, non si surriscalda e tende a mantenere inalterate le vitamine e gli enzimi di frutta a verdura.

CONSUMI ENERGETICI:la centrifuga lavora ad una potenza di circa 900-1000 watt mentre l’estrattore di succo lavora a basso regime, con una potenza che va dai 150 ai 400 watt.

QUANTITA’ DI SCARTI: con l’estrattore di succo si ottengono pochi scarti e piuttosto secchi mentre gli scarti della centrifuga sono piuttosto abbondanti ed umidi perché contengono ancora una percentuale di succo non filtrato. E’ stato provato che un valido estrattore è in grado di estrarre il 20-30% in più di succo rispetto ad una tradizionale centrifuga.

PREZZO: il costo è un’altra importante differenza. Una buona centrifuga ha un prezzo di circa 80/100 euro mentre un valido estrattore di succo ha un costo che si aggira intorno ai 300/350 euro.

CONSIDERAZIONI FINALI: PRO E CONTRO

Come per qualsiasi prodotto, abbiamo pro e contro per ciascuno dei due piccoli elettrodomestici. Partiamo con l’estrattore di succo a freddo:

E’ in grado di estrarre fino al 30% circa di succo in più rispetto ad una centrifuga

Produce meno fibra di scarto

E’ silenzioso

Ha un prezzo piuttosto elevato

Il succo ottenuto con l’estrattore è poco soggetto al processo ossidativo, quindi può tranquillamente essere conservato in frigorifero in un recipiente chiuso.

Ha un processo di pulizia più semplice rispetto a quello della centrifuga.

E’ in grado di estrarre il succo anche dalle verdure a foglia ricche di clorofilla.

Può ottenere latte vegetale dalla frutta secca.

La centrifuga:

Impiega molto meno tempo per trattare la stessa quantità di frutta a verdura, rispetto ad un estrattore di succo a freddo.

Compie 1000 o più giri al minuto a differenza dell’estrattore che ne compie meno di 100 al minuto.

E’ più rumorosa di un estrattore

Ha un costo piuttosto contenuto

Arrivati a questo punto sicuramente vi sarete fatti un’idea dello strumento adeguato alle vostre esigenze: la scelta finale spetta solo a voi. Senza dubbio riteniamo che l’estrattore di succo risulti essere più versatile rispetto ad una tradizionale centrifuga ed in grado di ottenere succhi qualitativamente migliori. Il suo prezzo elevato lo rende adatto a coloro che ne fanno un uso quotidiano, mentre quelli che bevono succhi di tanto in tanto possono tranquillamente affidarsi ad una centrifuga che ha un prezzo molto più contenuto.

Navigazione articoli