Come riparare il marmo danneggiato

Il marmo analogamente a tutti i materiali con i quali potrebbero essere costruiti pavimenti, è soggetto ad una serie di complicazioni nell’iter della sua vita. Il pavimento in marmo, soprattutto quello bianco, tenderà a formare una pellicola giallastra e tenderà pure a perdere la sua lucidità naturale, tipica di tale materiale.

L’usura va a colpire pure le sue fughe, il punto più debole dei pavimenti formati da piastrelle. Le fughe raccolgono molto lo sporco e col tempo si usurano, scomparendo quasi del tutto.

Le cause di tali danni sono tante, quali il calpestio, l’uso di acqua e detergenti per la pulizia, l’eventuale presenza di animali, l’accidentale caduta di sostanze acide, oppure il tempo che passa.

Il marmo, difatti, un materiale che invecchia, tende a perdere il suo vigore e necessita di accortezze. Sono tanti i rimedi naturali per poter ripristinare le sue originarie caratteristiche, iniziando dalla lucentezza.

Il marmo potrebbe però, potrebbe pure danneggiarsi tanto e più gravemente, in seguito a eventuali urti per cadute oppure per cose trascinate sulla superficie, si potrebbe spaccare una parte di una mattonella.

Sul mercato ci sono dei prodotti capaci di riparare crepe ed anche fessure del marmo. Sono malte oppure collanti specifici in grado di mascherare le fratture e ripristinare l’originale superficie. Sono prodotti particolari, quali il silicone per il marmo. Tale prodotto potrà contenere pure una formula impermeabilizzante, per superfici esterne oppure a contatto con il bagnato. L’alternativa al silicone è rappresentata dallo stucco per marmo. Tale prodotto è certamente la scelta più adatta ed efficace qualora la crepa del marmo da riparare sia tanto profonda.

Nel caso del silicone ed in quello della malta, ad ambedue i prodotti occorrerà sempre abbinarne un terzo, ossia una pasta speciale indurente, specifica per il marmo. Ci sono vari tipi di paste: solido, liquido, semi-solido. Se si tratta di persone poco esperte, la migliore scelta è la seconda categoria. Ecco come procedere.

Procurato l’occorrente, bisogna miscelare lo stucco con pasta indurente, le rispettive proporzioni vengono descritte sulle confezioni. La pasta che si dovrà comporre dovrà essere omogenea e morbida e sarà spalmata in modo abbondante sulla superficie da dover riparare, così che penetri bene nella fessura e vada a riempire, riparandola. Tale operazione dovrà essere molto veloce perché la pasta tende ad indurirsi rapidamente. Passato il tempo di essiccatura, il materiale eccessivo sarà rimosso e la superficie andrà resa omogenea e potrà essere fatto con una levigatrice per il marmo o con una spazzola abrasiva.

Navigazione articoli